San Juan del Sur - Progetto Luciano America Latina

Vai ai contenuti

Menu principale:

San Juan del Sur

Il Nicaragua > Turismo

San Juan del Sur

Scendendo verso il Pacifico, la baia di San Juan del Sur si offre al viaggiatore come un’incantevole visione, come una di quelle foto stupende che le riviste di turismo mettono in copertina.
Questo piccolo paesino, che fino a 15 anni fa era un tranquillo e pittoresco villaggio di pescatori, in pochi anni si è trasformato in una delle mete turistiche più gettonate sia dalla gente "in" del Nicaragua che dai turisti stranieri, amanti del windsurf o delle spiagge vergini dove potersi rilassare.

Nei pressi della cittadina si trovano le spiagge di Marsella, Maderas, Majagual, Remanso, El Coco, Las Salinas, El Astillero; in qualcuna di esse si può  anche alloggiare in hotel o in qualche casa privata. In queste spiagge, in certi periodi dell’anno si possono ammirare le tartarughe marine (che si dice provenire dalle isole Galapagos) fermarsi per depositare le uova.

A San Juan del Sur si può trovare praticamente tutto: hotels, ristoranti, bar, clubs, scuole di lingua, porto, ufficio postale, un parco centrale, un  mercato ed una stazione di polizia.

Lo sviluppo del primitivo insediamento di pescatori inizia nel 1593 quando lo spagnolo Andrés Niño, capitano dei reali di Spagna, arrivò alla baia di San Juan alla ricerca  di un accesso al lago Nicaragua (Cocibolca) dall’Oceano Pacifico. Il porto di San Juan del Sur acquistò una grande importanza verso la metà del 1800, durante la febbre dell’oro negli Stati Uniti; prima che fosse costruita la ferrovia  che univa l’est all’ovest nel 1869, migliaia di americani  della costa est degli Stati Uniti raggiungevano la California in nave, attraversando l’istmo centroamericano in Nicaragua ed imbarcandosi per San Francisco proprio a San Juan  del Sur. Lo stesso Mark Twain fece questo viaggio nel 1866.
Gli occhi più attenti e fantasiosi notano che le due rocce estreme della baia di San Juan del Sur hanno delle forme caratteristiche: quella di sinistra assomiglia alla Sfinge  e quella  di destra è chiamata "La Cara del Indio", la Faccia dell’Indio.

Torna ai contenuti | Torna al menu