Lo Statuto - Progetto Luciano America Latina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lo Statuto

L'Associazione

STATUTO  DELL’ASSOCIAZIONE
PROGETTO LUCIANO AMERICA LATINA - ONLUS




Art. 1

È costituita una associazione denominata "Progetto Luciano America Latina – ONLUS" .
L'associazione assume nella propria denominazione la qualificazione di Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (in breve Onlus) che ne costituisce  peculiare segno distintivo ed a tale scopo viene inserita in ogni comunicazione e manifestazione  esterna della medesima.

Art. 2

L'associazione non ha fini di lucro. Essa intende perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale.
Scopo dell'associazione è lo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e sociosanitaria, dell’istruzione, della formazione  nonché della tutela dei diritti civili  dirette ad arrecare benefici a componenti di collettività  estere (con particolare riguardo all’America Latina).
Per perseguire tale scopo l’associazione svolge principalmente attività  di assistenza sociale e socio-sanitaria a popolazioni di Paesi in Via di Sviluppo, attraverso tutela dei diritti, formazione ed istruzione di soggetti in loco svantaggiati   in ragione delle loro condizioni economico-sociali.
Tali attività si concretizzano:
a) In ITALIA
Raccolta occasionale di fondi attraverso eventi, manifestazioni e campagne informative che hanno lo scopo di sensibilizzare  e promuovere la realtà dei Paesi coinvolti e far conoscere le attività ed i progetti che vengono promossi all’estero

b) In AMERICA LATINA
Finanziamento di progetti tesi al miglioramento delle condizioni sociali ed economiche della parte più povera della popolazione  in collaborazione con enti ed istituzioni locali (Parrocchie, Cooperative, Associazioni, Ministeri, etc…)
Organizzazione di corsi di formazione (educazione, salute, igiene, tutela legale, tecniche agricole, etc…) per bambini, donne e contadini altrimenti esclusi da qualsiasi altra attività formativa

È fatto divieto all'associazione di svolgere attività diverse da quelle sopra elencate. L'associazione potrà tuttavia svolgere attività direttamente connesse a quelle  istituzionali, ovvero accessorie in quanto integrative delle stesse, nei  limiti consentiti dal D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460 e successive modifiche e integrazioni.

Art. 3

L'associazione ha sede in Via Case Sparse Caranzan, 6
Sant’Ambrogio di Valpolicella – VERONA


PATRIMONIO

Art. 4

Il patrimonio è formato:
a) dalle quote sociali e eventuali contributi volontari degli associati che potranno essere richiesti in relazione alle necessità ed al funzionamento dell'associazione;
b) dai contributi di enti pubblici ed altre persone fisiche e giuridiche;
c) da eventuali erogazioni, donazioni e lasciti;
d) da eventuali entrate per servizi prestati dall'associazione.


ASSOCIATI

Art. 5

Possono essere associati dell'associazione tutti coloro, persone fisiche, giuridiche, associazioni ed enti che ne condividono gli scopi.
Sono associati tutte le persone fisiche e giuridiche che, previa domanda motivata, vengono ammessi dal Comitato Direttivo. All'atto di ammissione gli associati verseranno la quota di associazione che verrà annualmente stabilita dal Comitato Direttivo.   Il contributo associativo è intrasmissibile ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non è rivalutabile.
Tra gli associati vige una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative.
È espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

Art. 6

La qualità di associato si perde per decesso, dimissioni o esclusione.
L'esclusione è deliberata dal Comitato Direttivo con delibera motivata per la mora superiore a sei mesi nel pagamento delle quote sociali o per lo svolgimento di attività in contrasto o concorrenza con quelle dell'associazione, ovvero qualora il socio non ottemperi alle disposizioni statutarie o dei regolamenti o alle delibere assembleari o del Comitato Direttivo.
Tale provvedimento dovrà essere comunicato all'associato dichiarato decaduto il quale, entro trenta giorni da tale comunicazione, può ricorrere all'assemblea mediante raccomandata inviata al Presidente dell'associazione.

Art. 7

Sono organi dell'associazione:
- l'Assemblea dei Soci
- il Comitato Direttivo
- il Presidente


ASSEMBLEA


Art. 8

Gli associati formano l'assemblea.
L'assemblea è convocata dal Presidente. Per la validità della sua costituzione e delle sue delibere in prima convocazione è necessario che siano presenti o rappresentati almeno la metà degli associati e le delibere saranno prese a maggioranza dei voti.
Nel caso di seconda convocazione, l'assemblea sarà valida qualunque sia il numero dei soci o dei voti e delibererà sempre a maggioranza semplice.
Per le delibere concernenti le modifiche allo Statuto sarà tuttavia necessario il voto favorevole di almeno due terzi degli associati.
L'assemblea si radunerà almeno due volte all’'anno. Spetta all'assemblea deliberare in merito:
- all'approvazione del bilancio;
- alla nomina del Comitato Direttivo;
- all'approvazione e alla modificazione dello statuto e di regolamenti;
- ad ogni altro argomento che il Comitato Direttivo intendesse sottoporre.
L'assemblea è convocata mediante avviso scritto inviato a ciascun associato almeno otto giorni prima di quello fissato per l'adunanza.
Ogni associato può farsi rappresentare da altro associato. Tuttavia nessun associato può rappresentare più di altri due associati. Ciascun associato ha diritto ad un voto.


AMMINISTRAZIONE


Art. 9

Il Comitato Direttivo è composto da un numero di sette membri. Dura in carica tre anni e i suoi membri sono rieleggibili.
Il Comitato Direttivo elegge al suo interno il Presidente ed un Vicepresidente.
Qualora, durante il mandato, venisse a mancare uno o più membri del Comitato Direttivo, il Comitato Direttivo coopterà altri membri in sostituzione dei membri mancati; i membri cooptati dureranno in carica fino alla prima assemblea, la quale potrà   confermarli in carica fino alla scadenza del Comitato Direttivo che li ha cooptati.
Il Comitato Direttivo è investito di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione inerenti la gestione dell'associazione, ad eccezione di quelli che la legge o lo statuto riservano all'assemblea. Provvede alla stesura del bilancio e   lo sottopone all'approvazione dell'assemblea. Determina le quote associative e stabilisce le modalità per il reperimento dei fondi necessari per le spese ordinarie e straordinarie di gestione.
Il Comitato Direttivo ha la facoltà di nominare Consigli scientifici ed ogni altro organismo che reputi necessario per le attività dell'associazione, stabilendone mansioni ed eventuali compensi, tenuto conto del disposto di cui alla lettera e),   comma 6, dell'art. 10 del D. Lgs. 4.12.1997, n. 460.
Il Comitato Direttivo, con delibera presa a maggioranza potrà inoltre delegare parte dei propri poteri a uno o più componenti del Comitato stesso determinandone i compensi; gli emolumenti individuali annui corrisposti non potranno comunque essere   superiori al compenso massimo previsto per il Presidente del collegio sindacale delle società per azioni.
Il Comitato Direttivo potrà compilare un regolamento per disciplinare e organizzare l'attività della associazione, che dovrà essere sottoposto all'assemblea per la sua approvazione.
Il Comitato Direttivo delibera a maggioranza assoluta dei suoi membri; è convocato dal Presidente o da almeno un terzo dei suoi componenti.
Il Comitato Direttivo è convocato almeno otto giorni prima della riunione, mediante comunicazione scritta inviata tramite lettera. In caso di urgenza la convocazione potrà essere fatta mediante invio di telegramma inoltrato almeno due giorni prima   della data prevista per la riunione.



PRESIDENTE


Art. 10

Il Presidente, ed in sua assenza o impedimento, il Vicepresidente, ha la legale rappresentanza dell'ente di fronte ai terzi e in giudizio e dà esecuzione alle delibere del Comitato  Direttivo.



BILANCIO


Art. 11

L'esercizio si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Entro il 30 aprile il Comitato Direttivo sottoporrà all'assemblea il bilancio consuntivo relativo all'anno precedente. Gli  eventuali utili o gli avanzi di gestione dovranno essere impiegati esclusivamente  per la realizzazione delle attività di cui all'art. 2.
Gli utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale non verranno distribuiti, neanche in modo indiretto, durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o distribuzione non siano imposte dalla legge o siano effettuate a favore   di altre Onlus che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.



Art. 12

L'associazione si estingue, secondo le modalità di cui all'art. 27 c.c.:
a)  quando il patrimonio è divenuto insufficiente rispetto agli scopi;
b)  per le altre cause di cui all'art. 27 c.c.

In caso di scioglimento della associazione, per qualunque causa, il patrimonio sarà devoluto ad altra organizzazione non lucrativa di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'art. 3 comma 190 della   legge 662 del 23 dicembre 1996 salvo diversa destinazione imposta dalla legge vigente al momento dello scioglimento.


NORMA DI CHIUSURA

Art. 13

Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle norme del codice civile e alle leggi in materia.

Torna ai contenuti | Torna al menu